.

Blog

L'ascolto

15.02.2019

Essere presente vuol dire essere attento, radicato, vigile in tutto quello che fai e dici. Un lavoro alchemico di osservazione costante che non ha lo scopo di essere perfetti nell'agire, subentrerebbe l'ego e la sua longa manus che è il giudice interiore (vedi seconda parte del post) ma di essenzializzare la comunicazione, eliminare le parole...

Meditazione e consapevolezza (mindfulness) sono unite da un legame indissolubile come due facce di una stessa medaglia.

La comprensione delle sfumature del pensiero politico più vario, mi ha permesso, con il tempo, di comprendere il meccanismo che sottende la dinamica della politica e di andare oltre.La politica è fondamentalmente un mezzo per concretizzare, in forma di governo, le idee nate in relazione a questa esigenza.Le idee però sono tante e diverse e questo...

Normalmente sei nell'ego in modo inconsapevole e immagini una realtà funzionale ad esso, così non puoi evitare la conflittualità e la contrapposizione.Se l'ego è quello spirituale, allora crederai di avere la vera verità infusa e riterrai falsa la visione della realtà dell'altro e la sua verità.Su FB si trovano esempi sempre più eclatanti di questa...

Il tempo per me era legato al fare, al calendario con le sue scadenze e appuntamenti. In una parola al lavoro. Ora che sono a riposo, i giorni non sono più nomi e numeri su un calendario ma unicamente cicli di luce e oscurità.

Il decondizionamento, così come la meditazione, è una via per arrivare alla consapevolezza. Nel Tantra il decondizionamento affianca ed integra la meditazione utilizzando tecniche che "liberano" da vincoli e lacci emotivi, indotti da fattori ereditari, dall'educazione familiare, dalla scuola, dalle religioni e dalle relazioni sociali.

Il silenzio

27.04.2018

Ascoltare è un'arte difficile. Se ci rifletti, anche quando pensi di ascoltare qualcuno stai già pensando cosa rispondere e nel peggiore dei casi ribatti prima che l'altro possa compiutamente esprimersi.

Operatore Olistico Trainer e Conduttore di Tecniche Olistiche. Questi i titoli conseguiti nel mio "percorso olistico", parallelo a quello lavorativo, che mi ha consentito di dedicarmi con serenità alla conduzione di gruppi meditativi non dovendo dipendere economicamente da essi, e che sono serviti unicamente a regolarizzare la mia attività...

Trasmutazione

26.07.2017

Sono grato (con la consapevolezza di adesso) alla scuola di Tantra o a quello che ho proiettato come tale.A "distanza di tempo", un tempo non inteso in termini di anni ma di cicli evolutivi, comprendo perché quella scuola e quei moduli.Primo: Sessualità meditativa. Un lavoro di riscoperta del corpo, delle sue funzione, della sua componente...

Il sincronismo è un dato di fatto. Una domenica pomeriggio si è parlato di come ci sia una gradualità nel raggiungere livelli di consapevolezza e come non si possa arrivare, se mai esista un traguardo da raggiungere, alla meta così d'un tratto e per grazia ricevuta. Durante la settimana successiva mi arriva puntuale il numero di Oshotime di...

L'addio che si trasforma costantemente in arrivederci. Pensavo di non dover più scrivere sui gruppi di meditazione, dopo di aver compreso che tutta l'esperienza decennale in quel campo non è stato altro che un riflesso della mia crescita interiore.Invece rieccomi qui a battere sui tasti del pc in un caldissimo pomeriggio di primavera, almeno per il...

Tutto ha inizio quando comprendi di essere un tramite o meglio un testimone che osserva e riferisce. Osservi la realtà esterna, la vivi con totalità al punto di perderti in essa, poi il gusto, il piacere o anche la sofferenza e il dolore generati dall'esperienza li elabori e li rimandi come messaggio, come reportage, alla coscienza che ha generato...

Il malessere raggiunge il suo punto più alto quando il centro si indebolisce e ti muovi per vie orizzontali, accade quando smetti di meditare e sei convinto di poter vivere di rendita sui risultati che pensi di aver raggiunto con il lavoro su te stesso. La sensazione di malessere era devastante, non riuscivo a reagire, ritrovandomi però nello...

"A parer mio è lo sforzo che conduce all'assenza di sforzo; è l'azione che conduce alla "non-azione"; è la mente che conduce alla meditazione; è lo stesso mondo materiale che conduce alla meditazione" Osho.
Non è un caso che chi si rivolge alle meditazioni attive e al tantra, sono per la gran parte persone "bloccate", imprigionate in una tensione...